SERRE SOLARI BIOCLIMATICHE 

IL MEGLIO DEL MERCATO ITALIANO A VOSTRA DISPOSIZIONE

MAZZARIELLO INFISSI: Qualità, Competenza e Rapidità!

 .... Per un'estate lunga tutto l'anno!

La serra solare bioclimatica, denominata serra solare o serra captante, è realizzata per oltre il 50% in vetro.

La struttura può essere in alluminio, ferro o legno.

É un prodotto detraibile fiscalmente.

SERRE SOLARI

DIFFERENZE TRA SERRA SOLARE E BIOCLIMATICA E VERANDA

La serra solare è uno spazio delimitato da pareti vetrate; uno spazio aggiuntivo non riscaldato che permette di accumulare calore dai raggi solari grazie appunto all’effetto serra da sfruttare come sostegno al riscaldamento esistente.

La veranda invece è uno spazio ottenuto chiudendo parzialmente o completamente con infissi vetrati degli spazi accessori come balconi, terrazzi, portici o loggiati.

Serra bioclimatica e veranda sono entrambe costituite da pareti vetrate adiacenti a un edificio, ma la serra bioclimatica è finalizzata al risparmio energetico, per questo deve soddisfare delle caratteristiche e specifiche ben precise rispetto alla veranda.

Al contrario della serra bioclimatica, la veranda può essere collocata e orientata ovunque. La copertura può essere realizzata con altri materiali (legno, alluminio, pannelli ecc.).

La serra bioclimatica è una struttura esterna confinante e, sebbene annessa, non viene considerata nel calcolo volumetrico dell’abitazione: è un “vano tecnico” a tutti gli effetti, il cui involucro “riscaldante” è delimitato da una parete divisoria.

A differenza della serra solare, la veranda va ad incidere sulla cubatura dell’abitazione.

DETRAZIONE FISCALE ECOBONUS

La serra bioclimatica usufruisce delle detrazioni fiscali previste dalla Legge poiché rientra tra le opere di riqualificazione energetica con agevolazione finalizzata alla riduzione del consumo termico.

NORMATIVE SULLA SERRA SOLARE BIOCLIMATICA

Sebbene valgono le disposizioni regionali, la ricezione di una Norma può variare da un Comune all’altro, ed è perciò consigliabile informarsi presso il locale Ufficio Tecnico competente. I riferimenti a livello nazionale sono esclusivamente quelli riportati dalla normativa UNI EN 15316:2018 che stabilisce tutti i calcoli da eseguire sulla prestazione energetica per accedere al sistema degli incentivi.

Per ottenere la detrazione fiscale Ecobonus i pagamenti dei lavori devono essere effettuati con bonifici dedicati come da indicazioni di Legge.

 

1 . Tipologie di serre bioclimatiche

–  Serra addossata: il vano vetrato è addossato all’edificio, con il quale condivide una delle quattro pareti da cui è composto. Il tetto adiacente all’abitazione è trasparente e inclinato.

–  Serra semi-incorporata: le pareti verticali o il tetto della serra vengono parzialmente incorporati nell’edificio.

2 . Requisiti di una serra bioclimatica

–  E’ preferibile che sia orientata a sud, sud-est o sud-ovest (con una tolleranza più o meno di 30°/40°) per favorire l’esposizione ai raggi solari il maggior numero di ore.

–  La dimensione di una serra solare può essere del 15% della superficie dell’abitazione o, grazie a speciali permessi, può raggiungere il 30%.

–  Le pareti e il tetto devono essere realizzati in materiali vitrei ad alta efficienza, per favorire l’irraggiamento nei mesi freddi e, allo stesso tempo, limitare il surriscaldamento in estate. Sono consigliabili schermature e/o dispositivi mobili o rimovibili, per evitare il surriscaldamento estivo, così da ridurre almeno del 70% l’irradiazione solare in estate.

–  Deve avere uno scambio termico con gli ambienti adiacenti tramite l’aria o il calore trasmesso dalle pareti;

–  I vetri della copertura e quelli perimetrali devono essere apribili per una superficie complessiva pari ad almeno un terzo dello sviluppo dell’involucro. Un’eventuale apertura manuale o motorizzata di una parte dei vetri superiori, fa defluire l’aria calda che si forma all’interno della serra, sostituendola con l’aria esterna.

–  Dev’essere schermabile dal sole durante la stagione calda con sistemi di ombreggiatura apribili.

–  Non deve essere progettata come locale abitativo permanente;

–  Deve essere fatto un calcolo energetico in termini di riduzione di consumi energetici in inverno (la serra bioclimatica dovrebbe portare a una riduzione in bolletta del fabbisogno energetico invernale compreso tra il 10% e il 25%).

  • mazzariello campania